STERILIZZATE I GATTI

una gatta può partorire due/tre volte l’anno fino a 12-14 gattini.

la maggior parte dei gattini sono femmine che entro 5-6 mesi dalla nascita sono già fertili per la riproduzione

durante gli accoppiamenti a territorio si diffondono virus gravi quali FIV (AIDS felina) e FELV (leucemia felina)

i gatti maschi adulti non sterilizzati combattono tra loro per la riproduzione e feriscono gravemente altri maschi e così si contagiano con FIV e FELV

i gatti maschi adulti non sterilizzati attaccano anche le gatte (persino quelle sterilizzate) e allo stesso modo diffondono FIV e FELV

l’agonia di gatti selvatici feriti può durare giorni prima di portare alla morte

i gatti interi (domestici e selvatici) vagano e tendono a disperdersi lungo il territorio alla ricerca dell’accoppiamento

i gatti maschi interi uccidono anche gattini non propri per potersi riaccoppiare con la femmina

sia i maschi che le femmine non sterilizzati marcano con feci e più spesso con urina puzzolente la propria presenza sul territorio

alle gatte che ancora hanno latte ma non hanno più i gattini può venire la mastite

dopo decine di parti le gatte hanno un orizzonte di vita più che dimezzato per consunzione

l’atto sessuale in un animale è solo un bisogno fisiologico dettato da un ormone, il gatto non è consapevole dell’eventuale privazione come non è consapevole dell’eventuale aborto (nel caso di una gatta gravida)

tutti i gattili in Italia traboccano di gattini che non troveranno tutti famiglia e un gattino nato in casa porta via la chance di essere adottato a un gatto chiuso da anni in gattile

i miseri randagi abbandonati dell’estate sono la diretta responsabilità di tutti coloro (privati e associazioni) che non hanno sterilizzato le madri di quei gatti randagi in primavera

 

Per favore, sterilizzate le vostre gatte.

PASSEGGIATA DI GRUPPO A GRADELLA

Sabato 14 alle 19 noi proprietari di cani e umili passeggiatori senza cani (l’incontro è aperto a tutti e gratuito) ci troviamo nel cortile della scuola di Gradella per una breve passeggiata in paese sino al Lazzaretto e da qui alla roggia. Una passeggiata di un paio di kilometri adatta a tutti, scarpe chiuse e antizanzare. Alle panchine faremo qualche esercizio di mobility. Alla roggia possibilità di fare il bagno per tutti.

Per partecipare: collare, guinzaglio, ciotola e acqua. Si auspica la presenza di cani non aggressivi (per i quali è necessaria museruola).

Gratos, ma con iscrizione via mail a info@udagerundo.it