mcart2

Tutti i pulcini che saranno immessi negli allevamenti intensivi subiscono la mutilazione del becco. Questa pratica viene effettuata entro i primi 10 giorni di vita tramite uno strumento apposito costituito sostanzialmente da una lama incandescente che amputa la punta del becco e cauterizza automaticamente la ferita. 
Questa dolorosa operazione viene effettuata per limitare i problemi derivati dall’aggressività indotta dallo stress degli allevamenti intensivi. Infatti agli animali, sottoposti a situazioni al limite della vivibilità, condannati sostanzialmente ad una vita di continua sofferenza, insorgono comportamenti aggressivi nei confronti dei loro simili. Per evitare che il continuo beccarsi e strapparsi le piume reciprocamente possa causare ferite mortali gli allevatori non hanno trovato soluzione migliore che l’amputazione della parte terminale del becco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *